Arquebuse

Dal Tanaceto Crespo, in piemontese “erba d’arquibus”arquebuse

Chi nasce forte sa conquistare al primo sorso

Una ricetta che è antica come queste montagne. Rendiamo grazie ai monaci che nei monasteri fra le vallate raccoglievano erbe, piante e radici e facendo un po’ gli erboristi, un po’ gli alchimisti, un po’ gli inventori, creavano elisir naturali a beneficio del corpo e dello spirito. Una di queste antichissime ricette è proprio quella da cui nasce il nostro Arquebuse, fatto con il Tanaceto Crespo, che nell’antichità era considerato ingrediente quasi magico, da cui ottenere bevande che garantivano lunga vita. Credenze d’altri tempi. Oggi siamo molto più disincantati, ma se versi l’Arquebuse in un bicchiere alto, con un cubetto di ghiaccio, poi ti metti comodo e con un movimento circolare del polso, fai in modo che ghiaccio e liquore si abbraccino, e poi lo degusti a piccoli sorsi, la beatitudine è vicina.

Acquista il prodotto