Questi sono i nostri liquori di montagna. Delle nostre montagne.
Li facciamo con erbe e con fiori che nascono spontanei o che vengono coltivati sulle Alpi piemontesi.
E non hanno mai visto o annusato un aroma, naturale o sintetico che sia.

Serpoul liquoreArquebuse liquore Tanaceto CrespoGenepi Blanc liquore Artemisia SpicataGenepi des Alpes liquore di Artemisia Mutellina e SpicataRabarbaro liquoreBarathier liquore erbe fiori delle Alpi CozieGenzianella liquore fiore genzianellaAbricot liquore noccioli albicocca

bernard

 

Ti ricordi quella volta che hai assaggiato un liquore d’erbe e hai pensato

“È esattamente il profumo di queste montagne”?

Ogni volta che raccolgo un’erba penso al mio bisnonno Giacomo che ha iniziato questo mestiere. E quando la metto a macerare e la lascio mesi e mesi nell’alcol penso che la storia della mia famiglia è proprio così: stagionata all’aria di queste montagne.
Pomaretto è un piccolo paese nelle montagne piemontesi, dove si incrociano due valli alpine: la Val Germanasca e la Val Chisone.
Un punto di incontro è dove ci si ferma a parlare, a raccontare, magari davanti a un bicchiere di un liquore che ha in sé il profumo e la natura di queste montagne.

Il lavoro della mia famiglia si riassume in poche parole:

produzione artigianale di liquori con erbe e fiori di montagna.

E lo facciamo dal 1902.
Non è stata una storia facile: questa è una terra dura, che non regala niente. Ma quando ci metti la passione tutto acquista un senso.
Ha senso alzarsi quando è ancora buio e salire in montagna a cercare i fiori e le erbe.
Ha senso lasciarli macerare a freddo, in modo che rilascino con calma i loro profumi, i loro gusti, la loro bontà.
Ha senso non usare nient’altro.
Perché quando ci metti la natura, non servono gli aromi.

Ecco perché non usiamo aromi, ma solo fiori ed erbe di queste montagne e alcol di frumento europeo.
E misceliamo il tutto con un ingrediente speciale: la santa pazienza che mio bisnonno ha insegnato a mio nonno, che mio nonno ha insegnato a mio papà, e che mio papà ha insegnato a me.

Questa è la mia ricetta.

Enrico Bernard

 

I NOSTRI LIQUORI DI ERBE E FIORI DELLE ALPI

Li facciamo così. Prendiamo le erbe e i fiori di montagna. Li mettiamo a macerare a freddo in alcol e acqua di sorgente. Con calma, con naturalezza. Senza aggiungere aromi, sintetici o naturali. Senz'altro.

Ogni cosa a suo tempo

Raccogliamo le erbe e i fiori da maggio a settembre, nel pieno dei loro profumi e dei loro sapori. È il cosiddetto “tempo balsamico”, il momento breve e irripetibile di ogni stagione in cui quell’erba e quel fiore contengono la maggior quantità di sostanze attive.

Poi la facciamo essiccare lentamente e naturalmente: niente fuoco, niente fumo, niente forni, solo l’aria delle nostre montagne alpine.

 

Scopri come li facciamo da sempre